Nuove foto aggiunte

LE DIFFERENZE TRA SIGARO TOSCANO E CUBANO
#SAPERE 🧐
La prima differenza è nel tabacco. Quello utilizzato per il Toscano è il Kentucky coltivato in Italia, mentre le varietà del cubano, più dolci, ven­gono dall’isola caraibica. Lì le metodologie sono diverse, c’è un disciplinare quasi maniacale...😮 Diversità produttive, di composi­zione, ma anche morfologiche e organolettiche.
Il cubano, detto anche puro habano, l’avana, perché tutte le com­ponenti sono prodotte, coltivate e manufatte a Cuba, è un long filler: è realizzato con foglie di tabacco intere e la varietà utilizzata per il ripieno è detta criollo, mentre per la capa (la parte superfi­ciale) e il capote (la sottofascia, che non c’è nel Toscano) si sceglie la varietà corojo. Le foglie terminali della pianta, più potenti e ric­che di nicotina, sono dette ligero, quelle intermedie (seco) sono più aromatiche e le foglie più vicine a terra (volado) hanno un’otti­ma combustibilità. Le differenze tra i mix generano le tipicità, alle quali sono abbinate le marche: Cohiba, Montecristo, Partagás, H. Upmann, Hoyo de Monterrey e Romeo y Julieta le più note.
La storia del cubano, di cui si hanno tracce già nel Cinquecento, è legata anche a quella della Rivoluzione cubana: con l’avvento del regime castrista – Fidel era fumatore di Cohiba, marca fondata nel 1966 e che fino al 1982 è stata destinata in esclusiva a lui e ai di­plomatici in visita – le imprese di tabacco vennero nazionalizzate; seguirono l’embargo americano, la chiusura di diverse fabbriche, il tentativo di rilancio e la creazione della società Habanos, nata nel 1994 dalla separazione delle attività del monopolista di Sta­to, Cubatabaco. Oggi Habanos (il 50% è ancora di Cubatabaco, l’altro 50% appartiene alla multinazionale Altadis) detiene il mo­nopolio della produzione e vendita dei sigari cubani con i diver­si marchi. Diadema è la società distributrice in Italia, nella totalità delle marche: Milano e Roma vantano “La Casa del Habano”, da Nord a Sud si contano oltre 300 tra tabaccherie con “Specialisti Habanos” e “Habanos Point”, più quelle tradizionali. Sono oltre 2 milioni i pezzi distribuiti ogni anno da Diadema – il cui giro d’af­fari si attesta intorno ai 18 milioni di euro annui – in Italia: ognu­no arriva da Cuba ed è realizzato totalmente a mano

www.facebook.com/vacanzasumisuraperte/photos/...